Bikini 2017 collection
16 Dec

Oggi vi raccontiamo la storia della nascita del bikini che risale a più di 70 anni fa. Era il lontano luglio del 1946 quando un sarto parigino, Louis Réard, creò il primo bikini, ossia il primo costume da bagno a due pezzi che divenne pian piano uno degli indumenti più sexy e amati della storia della moda femminile.

Il cosiddetto “due pezzi”, deve l’origine del suo nome alle isole Bikini che proprio nel Luglio del ’46, stavano assistendo ad uno degli avvenimenti più importanti della storia: la sperimentazione della bomba atomica.

L’arrivo del bikini non rappresenta solo un fenomeno di tendenza legato alla moda ma rappresenta una vera e propria rivoluzione nel modo di pensare e vedere la donna. Nel 1951 durante il concorso di Miss Mondo il bikini venne associato al cattivo gusto, quindi vietato e sostituito da un unico pezzo coprente, ritenuto più vicino al buon gusto e all’immagine della donna dei primi anni 50. Da ciò si evince che l’invenzione del bikini non raccolse subito favorevoli consensi, dovettero passare, infatti, diversi anni prima che il bikini approdasse sulle spiagge e solo verso la fine degli anni 50 e 60 le prime e poche donne moderne indosseranno finalmente un vero e proprio due pezzi.

Ma negli anni 60 il bikini diventò popolare e l’esplosione di questa nuova tendenza era legata più ad una questione etica che estetica, tuttavia grazie a fattori tanto influenti come le grandi dive del cinema, i mezzi di comunicazione e l’apertura politica e sociale dell’ovest, il bikini iniziò gradualmente la sua ascesa nelle simpatie di molti.

Il cinema, grazie alle sue grandi dive come Marilyn Monroe, Ursula Andress, Brigitte Bardot e Sofia Loren, portò il bikini sul grande schermo, rendendolo sempre più ben accetto tra le “donne comuni” che in quegli anni; soprattutto in Italia, continuavano ad indossare solo il costume intero, in quanto mettere in evidenza le forme, scoprire i fianchi, la pancia e il lato B, era un vero e proprio tabù.

Ma negli anni 70, il bikini diventata l’indumento della moda-mare femminile per eccellenza e appena 10 anni dopo arriva il triangolo con il tanga, uno slip composto da una parte anteriore triangolare di tessuto e da una striscia sottile nella parte posteriore. Nello stesso decennio si inizia a porre attenzione anche ai tessuti che diventano sempre più performanti, elastici, tecnici, passando dal cotone al lycra fino alle fibre cangianti del nuovo millennio. Oggi il bikini non è più solo un indumento da bagno ma un indumento di tendenza e sfoggio, proprio per questo gli stilisti di tutto il mondo ogni anno presentano collezioni ricche di novità come: paillettes, colori e fasce sgargianti, reggiseni push-up o a balconcino, slip con nodini o stringati e tanto altro.

E per il 2017 quali saranno i bikini più cool?

Lo scopriremo molto presto!!!

Leave a comment